EFP Cannes
domenica 25 giugno 2017

home / news / articolo

17° Festival del Cinema italiano di Tokyo

La Nazionale italiana in Giappone

17° Festival del Cinema italiano di Tokyo

Al via dal 29 aprile nella capitale giapponese la 17 del Festival del Cinema italiano: 20 film, la maggior parte inediti in Giappone, tre titoli con un distributore nipponico, tributi al cinema di Marco Bellocchio e Paolo Virzì.
Ha preso il via con la proiezione di Che vuoi che sia, introdotta dal regista e protagonista Edoardo Leo, la 17 edizione Festival del Cinema Italiano di Tokyo (29 aprile – 6 maggio), organizzato come ogni anno da Istituto Luce Cinecittà in partnership con l’Asahi Shimbun, colosso editoriale giapponese (la tiratura del cui quotidiano è la seconda del paese), l’Ambasciata Italiana e l’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo.
Una finestra ampia sul nostro cinema in uno dei mercati più influenti del mondo, con una platea di spettatori e operatori sempre più aperta alle forme della nostra produzione.
I 20 film, selezionati dal critico dell'Asahi Shimbun Takashi Matsuura, offrono un'ampia panoramica sulla recente produzione italiana della stagione 2016/2017, ma comprendono anche degli omaggi al cinema di Marco Bellocchio e Paolo Virzì, molto amati in Giappone, di cui vengono proiettati rispettivamente Buongiorno, notte!, Il regista di matrimoni e il corto Pagliacci, e Caterina va in città e Tutti i santi giorni. Doppietta anche per i film di Sydney Sibilia, di cui vengono presentati entrambi i titoli della saga di Smetto quando voglio.
Infine tre film hanno già una distribuzione giapponese, due dei maestri già citati, Fai bei sogni (Aya Pro), La pazza gioia (Midship) e La vita possibile (Crest international).
Accompagna i film a Tokyo una delegazione artistica tutta al maschile: Claudio Giovannesi per Fiore, Marco Danieli per La ragazza del mondo, Pierfrancesco Diliberto (PIF) per In guerra per amore, Edoardo Leo per Che vuoi che sia, Francesco Bruni per Tutto quello che vuoi, Roan Johnson per Piuma, Ivano De Matteo per La vita possibile, il produttore Angelo Barbagallo per Le confessioni. Presente anche una delegazione di world sales italiani, composta da rappresentanti di Fandango, Intramovies, Rai Com, True Colours. ​
Tutte le proiezioni hanno luogo presso la Yurakutcho Asahi Hall di Ginza. Come ogni anno una selezione dei titoli del festival sarà presentata ad Osaka nel weekend successivo al Festival (13 e 14 maggio).
>Clicca qui< per la selezione completa.

Photocredit: Pietro Coccia