8 1/2
martedì 19 febbraio 2019

home / news / articolo

Magnifica presenza apre Open Roads

Magnifica presenza apre Open Roads

Magnifica presenza di Ferzan Ozpetek aprirà l'8 giugno con una proiezione di gala la rassegna Open Roads: New Italian Cinema che si svolgerà fino al 14 giugno al Lincoln Center di New York. Dopo le proiezioni il regista incontrerà il pubblico e la stampa specializzata in una serie di conversazioni.
Film dell'ultima stagione ed una selezione di cortometraggi costituiscono il programma della rassegna organizzata da Istituto Luce Cinecittà e dalla Film Society del Lincoln Center, grazie al sostegno della Direzione Generale Cinema del Ministero dei Beni e Attività Culturali.
Open Roads si è affermato negli anni come il maggior evento dedicato al cinema italiano contemporaneo negli Stati Uniti ed una delle vetrine di cinema europeo più seguite nella prestigiosa cornice del Lincoln Center.
Quest'anno la delegazione artistica è composta dai registi Francesco Bruni, Ivan Cotroneo, Massimiliano e Gianluca De Serio, Antonio e Marco Manetti, Davide Manuli, Ferzan Ozpetek, Michele Rho, Andrea Segre, Marina Spada, Daniele Vicari, Pippo Mezzapesa e dall'attrice Paola Cortellesi.
Clicca qui per il programma completo

Dante Ferretti, impossibilitato a presenziare alla rassegna negli Usa, ha dichiarato: "Ringrazio Istituto Luce Cinecittà e Film Society of Lincoln Center per l'invito a presentare il film documentario Dante Ferretti-Scenografo italiano ma sto lavorando a diversi progetti e non riesco proprio ad allontanarmi. È un po' un riassunto della mia storia di scenografo, artista e production designer internazionale, dalle origini alla ribalta del cinema d'autore, il mio lavoro con i grandi registi da Fellini e Scorsese, da Cinecittà a Hollywood. Un ritratto a 360 gradi raccontato dal regista Gianfranco Giagni attraverso le testimonianze dei registi e degli attori con cui ho condiviso importanti progetti professionali, di colleghi, amici e di una 'complice' speciale, mia moglie Francesca Lo Schiavo. Un saluto caloroso al pubblico di New York che insieme a Roma è la mia città preferita, l'altra metà che mi manca molto!".