Pagine nascoste

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Pagine nascoste

Pagine nascoste

titolo originale:

PAGINE NASCOSTE

titolo internazionale:

HIDDEN PAGES

cast:

Giorgio Manzi, Massimo Rendina, Teresa Melandri, Aster Carpanelli, Carmine Panico, Major Shaleka Dejene Meshesha, Elfinesh Tegeni, Tewodros Seyoum, Igiaba Scego, Don Alessandro de Sanctis

sceneggiatura:

brani tratti dal romanzo “Sangue giusto” di Francesca Melandri

fotografia:

paese:

Italia

anno:

2017

durata:

67' - 52'

formato:

HD/16mm - colore & b/n

uscito il:

22/01/2018

premi e festival:

  • Torino Film Festival 2017: Fuori concorso
  • Rijeka History Film Festival 2020: Best Cinematographer and Best Independent Production Film

All’origine del nuovo romanzo che la scrittrice Francesca Melandri sta preparando, "Sangue giusto", vi è l’urgenza personale di fare luce sulla generazione di suo padre, quei 'nativi fascisti' la cui giovinezza si svolse interamente dopo la Marcia su Roma e che poi, dopo il 25 aprile 1945, della propria adesione al regime non parlarono più. Francesca sa che suo padre da giovane è stato fascista ma sa anche che Franco, sopravvissuto alla tragica campagna di Russia, ha poi subito come molti reduci una profonda conversione antifascista.

Il ritrovamento negli archivi di un articolo che porta la sua firma rivela però alla figlia una realtà diversa.
 La scrittrice si avventura così in altre leggende, più collettive e pubbliche e non collegate alla biografia del padre, quelle legate alla guerra d’Abissinia (dove Franco non è mai stato), e la successiva occupazione così poco raccontata alla generazione post-bellica, tradizionalmente rappresentata come bonaria e praticamente indolore. La sua ricerca, condotta attraverso viaggi in Etiopia, ascolto di testimonianze e studio delle fonti storiche, racconta invece un’altra storia, fatta di stragi e violenze.

Francesca studia e indaga per cinque anni, elaborando le sue conoscenze in una narrazione articolata, che intreccia il nostro passato coloniale con l’Italia razzista del nostro presente, riscoprendo i legami culturali dell'Italia contemporanea con quella mentalità intollerante mai realmente debellata alla radice e che oggi riemerge con prepotenza. Allo stesso tempo, molti dei testimoni che incontra, come Massimo Rendina (a lungo vicepresidente del'ANPI) che salvò suo padre dalle epurazioni sommarie di fine guerra mettendogli al collo il suo fazzoletto da partigiano, le rivelano come la realtà storica, quando s'incarna nelle persone, sia ben più interessante e viva sia dei silenzi che dei giudizi sommari.

Il film è il racconto di questa ricerca, che intreccia passato e presente, rimozioni private e pubbliche, ambivalenze e contraddizioni, e del processo creativo che trasforma la realtà biografica e storica in quella restituzione della complessità che è la letteratura.