Si muore tutti democristiani (opera prima)

vedi anche

vedi anche

Trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Si muore tutti democristiani

Si muore tutti democristiani

Si muore tutti democristiani

titolo originale:

SI MUORE TUTTI DEMOCRISTIANI

cast:

Marco Ripoldi, Massimilano Loizzi, Walter Leonardi, Renato Avallone, Valentina Lodovini, Martina De Santis, Francesco Mandelli, Brenda Lodigiani, Claudia Potenza, Augusto Zucchi, Fulvio Falzarano, Paolo Rossi, Lucia Vasini, Cochi Ponzoni, Luciano Scarpa, Alessandro Betti, Germano Lanzoni, Alberto Astorri, Giulia Briata, Cecilia Campani, Eleonora Russo, Valeria Scarpa, Peter Gomez, Lilli Gruber

fotografia:

costumi:

Elena Moncada

produttore:

produzione:

paese:

Italia

anno:

2017

durata:

89'

formato:

colore

uscito in sala:

10/05/2018

premi e festival:

Una commedia brillante su quel momento di transizione in cui ti trovi ad affrontare i primi veri compromessi della vita, che si contrappongono a tutto ciò in cui fino a quel momento hai creduto. Nasci contestatore, muori contestato. Enrico, Fabrizio e Stefano sono tre amici e colleghi di una vita, provenienti, pur con sfaccettature diverse, dal vasto mondo di quella che è, o è stata, la sinistra italiana. Si barcamenano tra video per sindacati, matrimoni, piccoli video per il sociale, mantenendo una “purezza etica” a cui loro tengono molto e agognando di poter tornare a realizzare documentari.
Improvvisamente arriva la proposta lavorativa che potrebbe cambiare le loro vite: un grosso documentario per una Onlus che si occupa di immigrazione. Una proposta troppo bella per essere vera, e infatti dopo pochi giorni scoppia un grosso scandalo che coinvolge il capo della Onlus: riciclaggio di denaro e truffa ai danni degli immigrati. I tre entrano in crisi: Enrico il “duro e puro” vuole far saltare tutto, Fabrizio il “belloccio sgamato” non ci pensa minimamente a fermarsi finché un tribunale non si pronunci; Stefano, come al solito, non riesce a prendere una decisione. Cosa decideranno “i nostri eroi”? Rifiuteranno il lavoro, rimanendo “sfigati”, ma puri? Oppure accetteranno la proposta, stravolgendo le loro vite ma rischiando di compromettere i loro valori, forse, definitivamente?