My name is Adil

vedi anche

sito ufficiale

Trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

My name is Adil

My name is Adil

My name is Adil

titolo originale:

MY NAME IS ADIL

cast:

Adil Azzab, Husam Azzab, Hamid Azzab, Hassan Azzab, Ziliali Azzab, Mohamed Atiq, Ali Tatawi, Hanan Filali, Aicha Badraoui

montaggio:

produttore:

Andrea Pellizzer, Magda Rezene, Rolando Marchesini, Gabrio Rognoni, Roberta Villa, Fabio Costarelli

produzione:

paese:

Italia

anno:

2016

durata:

01-05-2016

formato:

colore

uscito il:

27/10/2017

premi e festival:

  • Alexandria Mediterranean Countries Film Festival 2016: Mediterranean Long Narratives Competition - Best Arabic Film
  • Tangier International Film Festival 2017: Prix des Cine Clubs
  • Ventotene Filmfestival 2016: Open Frontiers – Miglior Film
  • Religion Today Filmfestival 2016: Migration, Plurality, Coexistence – Miglior Film
  • Mindie - Miami Independent Film Festival 2016: Best Feature Film

Girato tra la campagna marocchina e Milano, il film racconta la storia vera di Adil, un bambino che vive nella campagna del Marocco con la madre, i fratelli e il nonno capo-famiglia. È un mondo povero, dove fin da piccoli si lavora per ore nei pascoli, gli adulti possono essere rudi e studiare è un privilegio per pochi. Adil sa che restare in Marocco significa avere un destino segnato, quello dei giovani pastori invecchiati precocemente che vede intorno a sé. Stanco delle angherie dello zio e del ristretto orizzonte che si vede davanti, il ragazzino a 13 anni decide di raggiungere il padre, El Mati, emigrato da anni in Italia per lavorare e mantenere la famiglia. Andarsene, però, è anche una frattura, una separazione dolorosa dalla propria storia, dai propri affetti e dalla comunità.
Il film accompagna lo spettatore nel percorso del protagonista adolescente alla scoperta di un nuovo mondo: l’Italia non è il paese delle città favolose e della ricchezza facile sognata nell’infanzia, ma offre ad Adil la possibilità di studiare, vivere nuove esperienze e costruire nuovi legami.
Il cerchio si chiude quando Adil, ormai adulto, dopo dieci anni di assenza dal Marocco, ritorna nel suo paese, alla riscoperta delle proprie radici: il viaggio lo aiuta a intrecciare i fili della sua storia e della sua identità, perché “solo se conosci da dove vieni, puoi sapere chi sei”.