Le Cicale

vedi anche

vedi anche

Trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Le Cicale

Le Cicale

titolo originale:

LE CICALE

titolo internazionale:

THE CICADAS

montaggio:

produttore:

produzione:

paese:

Italia

anno:

2018

durata:

66'

formato:

colore

status:

Pronto (12/09/2018)

premi e festival:

Il film documentario LE CICALE è un viaggio intimo nella vita di 4 persone, già andate in pensione o in procinto di andarci,per capire se nel nostro futuro avremo ancora diritto alla protezione dello stato sociale. Nell’età della pensione infatti si dovrebbero raccogliere i frutti di una vita fatta di lavoro e non lottare per la sopravvivenza o per non perdere la casa. Ma la crisi economica ha cambiato questa realtà: arriva l’inverno e anche le formiche scoprono che il diritto a una vecchiaia serena è diventato un miraggio.

Mario ha 80 anni, una pensione di 650 euro e rischia lo sfratto per finita locazione. Da giovane “è morto fra le braccia di Anna Magnani”, recitando nel film Camicie Rosse, poi èemigrato in Germania. Tornato in Italia ha lavorato per 20 anni in una cooperativa di spedizioni, vivendo sempre nel quartiere Cinecittà, vicino gli studios di cui è stato una promessa mancata.

Giuliana ha cresciuto 4 figli maschi da sola, ha 82 anni e ogni pomeriggio esce per andare in un bar di Torpignattara a Roma, dove cerca di convertire “le genti” alla parola di Cristo. Giuliana è una fervente evangelica, prende la pensione di reversibilità del marito ed è stata sfrattata per finita locazione. Oggi vive in una piccola casa di 30mq a Centocelle.

Pino ha 71 anni, due matrimoni alle spalle e una figlia appena maggiorenne; lavorava come rappresentante di una ditta di pellami e come hobby viaggiava in tutto il mondo. Dopo essere stato sfrattato per morosità, vive in una casa occupata vicino la stazione Anagnina, alla periferia di Roma e percepisce una pensione minima di 500 euro.

Marco, il più giovane, ha perso il lavoro di capo cantiere quando aveva 48 anni, da quel giorno riesce a lavorare soltanto in nero e potrà raggiungere la pensione minima di vecchiaia, ma non quella contributiva, solo dopo i 70 anni. Si è separato e ha perso la casa, anche lui vive in un’occupazione alla periferia di Roma.