Famiglia e poi

vedi anche

Trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Famiglia e poi

Famiglia e poi

titolo originale:

FAMIGLIA E POI

cast:

Pino Calabrese , Mingo De Pasquale, Luca Valenti, Alberto Pagano

sceneggiatura:

produzione:

paese:

Italia

anno:

2020

durata:

61'

formato:

colore

status:

Pronto (14/01/2020)

Famiglia e poi, è un documentario sulla legge che regola il diritto di famiglia.
Carlo, il protagonista anziano, vive una storia d’amore e di passione con Serena, dalla quale ha un figlio. Serena si separa da Carlo e aliena il figlio Francesco. Francesco smette di frequentare il padre e concentra i suoi affetti verso la madre e la nonna. Francesco si sposa con Elena. Dopo la nascita del secondo figlio, il rapporto tra Elena e Francesco entra in una zona grigia durante la quale Francesco ed Elena continuano a convivere. Francesco, dopo l’ennesimo litigio con Elena, decide di andare a trovare il vecchio padre che non vede e sente da molti anni. 
Tra Carlo e Francesco scaturisce un dialogo serrato, spesso animato, durante il quale i due protagonisti si confrontano sul tema della famiglia e della separazione della coppia. L’affidamento dei figli, la casa familiare, il centro degli affetti, il diritto di visita del genitore non collocatario, la diffusa povertà dei padri separati, vengono messi a nudo in un percorso che consente a Francesco di assumere maggiore consapevolezza sulla realtà della post separazione.
Famiglia e poi mostra ciò che per i padri che affrontano la separazione è considerata una stortura di sistema, una fonte di ingiustizia che grava una larga parte della società di rancori e che alimenta conflitti e violenza.
Famiglia e poi, sottolinea le diverse opinioni che potrebbero emergere all’interno della coppia sull’uso delle punizioni corporali come chiave educativa dei figli. Nel rapporto 2003-2013 di Telefono Azzurro , il cui estratto è parte del documentario, sono illustrati dati di come i maltrattamenti sui minori siano per lo più perpetrati nell’ambito familiare e di come sia da sfatare il pregiudizio che considera il padre il soggetto che esercita maggiormente violenza sui figli.