Il Giorno e la Notte

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Il Giorno e la Notte

Il Giorno e la Notte

Il Giorno e la Notte

titolo originale:

IL GIORNO E LA NOTTE

fotografia:

scenografia:

produzione:

paese:

Italia

anno:

2020

formato:

colore

status:

In postproduzione (22/07/2020)

In “Il Giorno e la Notte” storie di coppie corrono parallele unificate da una situazione: improvvisamente il telegiornale dà la notizia che è in corso un misterioso attentato chimico nella città di Roma. Tutti sono obbligati a serrarsi in casa. Nessuno può più uscire. Le strade osservate dalle finestre si svuotano. Che sta succedendo? Intanto le coppie asserragliate dentro le mura domestiche si trovano messe alle strette, in un confronto intimo e inesorabile che spesso è scontro, ma anche incontro, e che soprattutto porta a nuove consapevolezze.
Un film concepito esattamente come un “film domestico” basato sulle regole dello smart working, praticando una sorta di “smart filming”: il regista, infatti, a casa sua - nel rispetto delle norme vigenti – sta coordinando il lavoro degli attori – a casa loro.

NOTE DI REGIA:
L’idea di fare un film nonostante il Lockdown e il distanziamento sociale, le mascherine e la paura del contagio... nasce proprio dalla voglia di tradurre artisticamente questo momento condivisa con i miei principali collaboratori e con un gruppo di attori e attrici che amo profondamente, per reagire creativamente alla paura, non per “raccontare il Coronavirus” ma quella condizione di isolamento e restrizione che ha caratterizzato gli ultimi due mesi della nostra vita e che negli ultimi anni avevamo già sperimentato a causa di attentati terroristici che si sono susseguiti da Londra a Madrid, da New York a Parigi. La paura di circolare liberamente, la restrizione della libertà, ci pone delle domande importanti offrendo drammaturgicamente una grande occasione di racconto: per esempio cosa accade ai nostri sentimenti in questa condizione? Cosa accade alle coppie se costrette dentro le pareti domestiche, senza possibilità di fuga?