Producers on the Move
domenica 18 agosto 2019

LA LINGUA DEL SANTO

vedi anche

trailer

backstage

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

LA LINGUA DEL SANTO

LA LINGUA DEL SANTO

LA LINGUA DEL SANTO

titolo originale:

LA LINGUA DEL SANTO

fotografia:

scenografia:

presentato da:

Marco Poccioni e Marco Valsania

distribuzione:

paese:

Italia

anno:

2000

durata:

110'

formato:

colore

uscito in sala:

15/09/2000

premi e festival:

Padova, che da sola ha il fatturato dell’intero Portogallo, si accontenta di poco: una squadra di rugby, un santo patrono famoso in tutto il mondo, un’economia di fiorenti fabbrichette nate dal nulla. Lo chiamano Nordest e Carlo Mazzacurati, padovano doc, lo racconta così com’è, senza troppo inventare insieme a sceneggiatori fidati (Franco Bernini-Umberto Contarello) ma con almeno un’idea, far trafugare ai due poveracci di turno la più preziosa reliquia conservata nella Basilica. Ecco La lingua del santo, una tragi-commedia che comincia come una storia di provincia (alla Alfredo Alfredo) e finisce come un noir sentimentale che neanche Casablanca. Il plot va e viene, con momenti di stanca e altri prevedibili. Ma il regista di Un’altra vita riesce comunque a inventare due personaggi di sfigati degni del miglior cinema italiano, più atmosfere lagunari che lo riportano all’esordio con Notte italiana. Willy (Fabrizio Bentivoglio) è il belloccio (al bar lo chiamano Alain Delon) in giacca&cravatta, ex rappresentante di cancelleria di lusso, colato a picco da quando la moglie Patrizia (Isabella Ferrari) l’ha lasciato per un chirurgo (Ivano Marescotti); Antonio (Albanese) è il ladruncolo che vive di tutto, anche delle centomila che si fa dare per un calcio piazzato. Da applausi l’apparizione di Marco Paolini che fa un Sant’Antonio negli incubi del ladro Antonio con la polizia alle calcagna e un intero salame sullo stomaco: ma del resto come dovrebbe parlare, un santo senza lingua?