HO-NO-LU-LU BABY

vedi anche

vedi anche

backstage

HO-NO-LU-LU BABY

HO-NO-LU-LU BABY

HO-NO-LU-LU BABY

titolo originale:

HO-NO-LU-LU BABY

fotografia:

scenografia:

produttore:

produzione:

Cidif Produzione, Rai Cinema, con il contributo del MiBAC

distribuzione:

vendite estere:

paese:

Italia

anno:

2000

durata:

91'

formato:

35mm - colore

aspect ratio:

2.35:1

sonoro:

Dolby SR

uscito in sala:

23/03/2001

Alberto Colombo è un ingegnere petrolifero sposato con Margherita, donna in carriera. La loro vita è monotona, lei non vuole figli, lui non si rassegna.
Un giorno Alberto è chiamato dal suo capo: viene inviato all'estero per una missione inutile, l'anticamera di un vero e proprio licenziamento. Alberto, lasciandosi alle spalle una moglie insoddisfatta, parte tutto solo per Melancias, un paese sperduto che, in un recente passato, ha già ingoiato molti suoi colleghi...
In realtà Melancias nasconde qualche segreto più o meno gradevole che sarà svelato ad Alberto Colombo da Christian, unico uomo sopravvissuto in quel luogo ai confini del mondo.La moglie, in Italia, ha tempo di scoprire l'inutilità del carrierismo, di accettare le avances di un collega intraprendente, di rivalutare il rapporto col marito, che credeva inaridito. Passano nove lunghi mesi durante i quali Alberto Colombo riuscirà a portare a termine più di un'impresa clamorosa...
Nove mesi sono lunghi, possono far nascere una vita, possono contribuire a cambiarla radicalmente. Al ritorno in Italia Alberto troverà più di una sorpresa.
La più importante di tutte una moglie innamorata che ora è disposta anche a seguirlo in capo al mondo. Proprio a Melancias, terra benedetta, dove Alberto viene rispedito con uno stipendio triplicato e onori da trionfatore.
Solo all'idea di tornare laggiù Colombo si sente svenire... Margherita lo incoraggia, ancora una volta lo convince, ma per loro le sorprese di Melancias non sono ancora finite... Una favola sempre a cavallo tra fantasia e realtà. Un sogno per evadere da una cronaca quotidiana che troppo spesso rischia di soffocarci.