LA REGINA DEGLI SCACCHI

vedi anche

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

LA REGINA DEGLI SCACCHI

LA REGINA DEGLI SCACCHI

titolo originale:

LA REGINA DEGLI SCACCHI

titolo internazionale:

CHECK AND MATE

sceneggiatura:

fotografia:

montaggio:

scenografia:

produzione:

Arcipelago Cinematografica, con il contributo del MiBACT

vendite estere:

paese:

Italia

anno:

1999

durata:

93'

formato:

colore

uscito in sala:

14/06/2002

premi e festival:

Maria adele Pieralisi, 17 anni, gioca a scacchi con grande abilità. Vive ad Ancona con il padre ed ha perso la madre da pochi mesi in un incidente. Non ha ricoprdi della primissima infanzia e soffre di un incubo ricorrente.
Durante una partita a scacchi conosce Emilio, cronista sportivo che le chiede un’intervista. Mentre rovista in un baule per cercare una foto da dare al giornalista, Maria Adele trova una lettera indirizzata a sua madre, nella quale il padre si dice disposto ad adottare un figlio. Il pensiero di essere stata adottata si fa strada nella mente della ragazza.
Contemporaneamente maria Adele scopre che Emilio non è un cronista sportivo ma un giornalista che sta conducendo un’inchiesta sulla pedofilia ed ha buone ragioni per credere che Sterlizia, maestro di scacchi di Maria Adele, ne sia coinvolto.
Sterlizia chiede a Maria Adele di convincere il giornalista a non pubblicare notizie su di lui in cambio dei nomi dei genitori naturali. Al rifiuto della ragazza le propone una partita a scacchi: la posta sarà quell’informazione. Alla vittoria Maria Adele apprenderà che il nome dei suoi genitori è legato ad un delitto.
Maria Adele si allontanerà a questo punto dal padre alla ricerca di un passato ignoto. Trovata la madre andrà a vivere con lei. La donna, con alle spalle la dura esperienza del carcere, è particolarmente segnata. La convivenza sarà deludente anche se Maria Adele non vorrà ammetterlo, senza spiegarsi il perché.
La soluzione verrà dalla prima partita a scacchi che perderà: non si era accorta che il pericolo veniva dalla Regina nera...