Producers on the Move
martedì 23 luglio 2019

LA RENTRÉE (opera prima)

vedi anche

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

LA RENTRÉE

LA RENTRÉE

LA RENTRÉE

titolo originale:

LA RENTRÉE

regia di:

sceneggiatura:

scenografia:

produttore:

paese:

Italia

anno:

2000

durata:

96'

formato:

colore

uscito in sala:

28/09/2001

premi e festival:

"La Rentrée" è la tormentata storia del pugile Mario Gibellini, detto "il danseur", raccontata come in un match di boxe, al meglio delle dodici riprese.
Dodici capitoli, come fossero i dodici round di quell'unico, grande incontro, che è stata la sua vita.
Gli episodi più significativi: le prime vittorie; l'incontro con Teresa che diventerà poi sua moglie; le combine; la galera; la piccola malavita; il tradimento...
Una giornata di Ottobre fredda e grigia.
Mario Gibellini esce di galera dopo un periodo di detenzione e si ritrova davanti la solita vita: il bar con gli amici, i piccoli lavoretti poco legali, una moglie che ama ma che tradisce, una figlia.
Nella testa ha il sogno di sempre: tornare a combattere. Tornare a quel ring lasciato qualche anno prima, alle vittorie, alla chiarezza dei rapporti con l'avversario, alla "nobiltà della lotta".
In carcere ha ripreso gli allenamenti e oggi, passati i quaranta, si sente pronto a ricominciare. Ma a quella età non è facile. Non è facile far capire alla gente che ti sta intorno che ce la puoi ancora fare, così come ha fatto Foreman. Non è facile far capire a Teresa che fuori dal ring lui non si sente neanche un uomo.
Così, per dovere e per bisogno, riprende quei traffici poco legali che gli consentono, comunque, di campare.
Mario vuole tornare a combattere sul ring, ma nel frattempo i suoi incontri li fa per strada. La violenza, i pugni, sono soprattutto nella vita, nella mancanza di obiettivi e valori, negli scarni rapporti con gli altri, negli ambienti periferici di sottoproletariato urbano. Ambienti in cui si aspettano improbabili eventi per riuscire ad emergere: la schedina, il lavoro improvviso, l'occasione, il colpo andato bene. "Costruire" è una parola che non si usa e chi ha la fortuna di avere un obiettivo nella vita, un ideale, se lo tiene ben stretto e lo difende fino alla morte, spesso degli altri.
Mario perseguirà i suoi scopi, arrivando anche a tradire sua moglie, il suo capo e soprattutto i suoi amici.
Ma poche sono le cose per cui valga la pena di vivere: questo capirà Mario quando, devastato dai pugni, attenderà il conteggio dell'avversario al tappeto.