LA VITA COME VIENE

vedi anche

trailer

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

LA VITA COME VIENE

LA VITA COME VIENE

LA VITA COME VIENE

titolo originale:

LA VITA COME VIENE

titolo internazionale:

THE LIFE AS IT IS

fotografia:

scenografia:

distribuzione:

paese:

Italia

anno:

2001

durata:

118'

formato:

colore

uscito in sala:

09/05/2003

premi e festival:

"Non c’è un minimo di amore in quello che stiamo facendo e allora il lavoro non è lavoro, gli amici non sono amici …" è amareggiata Paola (Valeria Bruni Tedeschi) di ritorno da una noiosa cena con i colleghi del marito, ma è chiaro che quella constatazione, è come un campanello d’allarme. A casa scoprono che i figli lasciati con la baby sitter sono scomparsi. Sarà per il breve intervallo di una notte, ma sufficiente a Paola, travolta dal dramma, per andare fino in fondo al rapporto con suo marito, scoprendo verità impensabili.
C’è chi si sente per tutta la vita sprecato, come può esserlo un bravo musicista jazz (Alessandro Haber) che da sempre suona lontano da casa nei ristoranti alla moda dove anche Paola ha cenato. L’uomo non è più giovane. Nei ritagli di tempo compone convinto di meritare un riconoscimento che suonerebbe patetico per una carriera forse definitivamente segnata… Poi il concerto di un giovane talento e un cellulare dimenticato spento, arrivano a sciogliere il nodo che l’uomo si porta dentro e che rimanda a qualcosa che esiste oltre il successo, la carriera, i soldi.
Vite che si sfiorano, che si compongono davanti ai nostri occhi come un puzzle, senza una logica apparente. Eppure qualcuno ancora ci prova a cercarlo un senso a quello che ci accade intorno. E’ una sfida difficile anche per un professore di filosofia americano (Tony Musante) soprattutto se si ha a che fare con il dolore di una grave perdita, dolore diventato col tempo quasi nutrimento dell’anima stessa. Separato dalla moglie è ormai rassegnato a vivere in solitudine finché qualcosa di inaspettato lo costringe ad uscire dal guscio: l’incontro con una donna (Stefania Sandrelli) che porta dentro di sé una carica inconsapevole di tenerezza e che potrebbe diventare l’occasione per riprendere contatto con la realtà...
Virtuale sembra essere invece il mondo di Max (Daniele Liotti), per il quale il lavoro, il sesso, il tempo libero, perfino la morte devono assumere i connotati del gioco, della competizione, a volte rabbiosa perché con il passare del tempo, diventa difficile reggere il vuoto interiore senza più contorni che si è costruito dentro e contro il quale la moglie (Stefania Rocca) disperatamente lotta per riportare il marito, lei assistente di volo, con i piedi per terra….
Chi ha creduto di essere sempre stata una persona concreta è Marco (Claudio Santamaria), fino a quando non si trova licenziato. Un licenziamento improvviso che assumerebbe i toni della tragedia se all’ultimo lui non riuscisse a trovare un sostegno in chi aveva perso di vista, permettendogli così di pensare ancora al futuro.