Pesi leggeri (opera prima)

vedi anche

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Pesi leggeri

Pesi leggeri

Pesi leggeri

titolo originale:

PESI LEGGERI

regia di:

fotografia:

scenografia:

produttore:

produzione:

paese:

Italia

anno:

2001

durata:

85'

formato:

colore

uscito il:

12/10/2002

premi e festival:

L'azione è ambientata a Cagliari, Sardegna, nel mondo della boxe dilettantistica.
In una palestra di periferia si allenano due ragazzi: Nino, un buon talento, e Giuseppe, ragazzo dotato ma chiuso e violento.
Il loro procuratore è Claudio, promessa mancata della boxe che per vivere affitta appartamenti. Sono allenati da Melis, un sanguigno ex campione d'Europa.
Gli affari vanno male e in più fra i due ragazzi scoppia una sorda rivalità, acuita dal comportamento della ragazza di Nino, Maddi. Inquieta ed insoddisfatta, vorrebbe che Nino avesse un vero lavoro. Ciò la porta a scontrarsi con Nino e Claudio e, per rivalsa, a farsi corteggiare da Giuseppe.
Dopo una rissa in palestra, Giuseppe ne viene cacciato da Melis. Claudio però non lo abbandona ma lo affida a Trudu, un allenatore in difficoltà finanziaria.
Maddi rompe drammaticamente sia con Nino che con Giuseppe. Trudu intanto insiste con Claudio per organizzare una riunione imperniata sul combattimento fra i due ragazzi. Claudio rifiuta: Nino e Giuseppe sono di categoria differente, inoltre la rivalità potrebbe far sfociare l'incontro in rissa. Trudu ricatta Claudio, minacciandolo di far del male a Nino. Claudio cede ma cerca in tutti i modi di evitare l'incontro, suscitando anche i sospetti di Melis e Nino, che scoprono che lui è ancora il procuratore di Giuseppe. Claudio ha problemi anche nella sua vita privata: un amore intrecciato con una insegnante, Sara, finisce in niente.
Il giorno dell'incontro Claudio, vedendo Nino in difficoltà sotto i colpi di Giuseppe, cerca di far interrompere l'incontro ma provoca la reazione di Melis. Nino vince e, nel momento del trionfo, inveisce contro Claudio.
Claudio però non sa rassegnarsi alla sua nuovo sconfitta: con uno scatto d'orgoglio va a prendere Giuseppe, abbandonato da tutti, lo consola e gli promette che ne farà un bravo pugile.