IL PIU' BEL GIORNO DELLA MIA VITA

vedi anche

sito ufficiale

trailer

backstage

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

IL PIU' BEL GIORNO DELLA MIA VITA

IL PIU' BEL GIORNO DELLA MIA VITA

IL PIU' BEL GIORNO DELLA MIA VITA

titolo originale:

IL PIU' BEL GIORNO DELLA MIA VITA

titolo internazionale:

THE BEST DAY OF MY LIFE

fotografia:

montaggio:

scenografia:

produzione:

Cattleya, Rai Cinema, The Producers Productions ltd. (London)

vendite estere:

paese:

Italia

anno:

2001

durata:

102'

formato:

colore

uscito in sala:

12/04/2002

premi e festival:

Irene, una matura signora ancora giovanile, vive nella vecchia villa legata ai ricordi del suo passato. Il suo rammarico più grande è di non essere riuscita a trasmettere ai suoi tre figli l'attaccamento alla casa e al concetto di famiglia che quel luogo esprime. Ma la villa non è l'unica cosa che i tre figli rifiutano. Sara, la figlia maggiore, dopo la morte del marito vive in assoluta solitudine emotiva, passando le serate ad aspettare il ritomo del figlio Marco (Francesco Scianna) con la paura costante che gli succeda qualcosa.
Rita, l'altra figlia, è apparentemente più realizzata: ha una bella casa, un marito, Carlo, che ha sposato per amore e due fìglie. Silvia e Chiara. Ma la facciata nasconde un'insoddisfazione tale da non permetterle, dalla nascita della secondogenita, di avere rapporti sessuali con il marito.
Infine Claudio, un giovane avvocato che vive di nascosto e con frustrazione la propria omosessualità. Un tale vortice di insoddisfazione e desideri repressi genera tensione e a risentirne immancabilmente sono i figli, che assistono più o meno consapevoli al terremoto emotivo che travolge i genitori. Ma l'insoddisfazione della monotonia sarà scossa improvvisamente da una serie di avvenimenti: l'apparizione di Davide, un affascinante veterinario che irrompe nella vita di Rita; il manifestarsi del misterioso uomo, Sandro, che turba la monotona esistenza di Sara, infine l'arrivo di Luca, un giovane che induce Claudio a fare le sue scelte e a dichiarare la propria omosessualità.