Producers on the Move
martedì 18 giugno 2019

IL TRAMITE

vedi anche

backstage real video

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

IL TRAMITE

IL TRAMITE

IL TRAMITE

titolo originale:

IL TRAMITE

regia di:

sceneggiatura:

fotografia:

montaggio:

scenografia:

produttore:

vendite estere:

paese:

Italia

anno:

2005

durata:

104'

formato:

colore

Mauro è un infermiere cinquantenne romano, uno di quelli che pur di condurre un'esistenza "normale" è costretto, come molti, ad arrangiarsi pur di "arrotondare". E ci riesce abbastanza bene. Non ha famiglia, non ha nessuno, il suo unico e vero amore è la sua Stationwagon, nuova fiammante, che è riuscito a comprarsi con i risparmi di una vita. Per fare un favore al suo primario ospedaliero, Mauro accetta di accompagnare un bambino, entrato clandestinamente in Italia, dalla Puglia fino a Chiasso, dove sarà probabilmente preso in adozione da una famiglia svizzera. Ma Mauro si rende conto ben presto che in quell'accompagno c'è qualcosa di strano. Tanto per cominciare, a fare il viaggio con loro c'è anche Rollo, una specie di energumeno con qualche problema di ritardo mentale, che non perde un'occasione per attaccare briga con chiunque gli si presenti davanti. E poi, stranamente, anche il primario che gli ha chiesto il favore risulta introvabile al telefono. Il viaggio va avanti all'interno di un’Italia sconosciuta, popolata di extracomunitari, clandestini, malviventi che cercano, ognuno a modo suo, di arrangiarsi. La Stationwagon di Mauro esce fuori eroicamente da mille asperità, e non solo di natura geologica.
Nel momento in cui Rollo rapisce una prostituta albanese, e la costringe ad unirsi a loro, Mauro si rende conto che forse la destinazione del bambino non è quella che lui credeva. Ma ormai anche Mauro ha saltato il fosso dell'illegalità, si è compromesso, ed è difficile per lui tornare indietro. E così il gruppo formato da lui, da Rollo, dal bambino, dalla prostituta albanese e da sua figlia di pochi anni, a bordo della Stationwagon, avanza fino al confine con la Svizzera, mentre Mauro si chiede in che modo potrà salvare il bambino, e forse anche sé stesso, dal loro destino.