Private (opera prima)

vedi anche

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Private

Private

Private

titolo originale:

PRIVATE

cast:

Mohammad Bakri, Lior Miller, Areen Omari, Hend Ayoub, Tomer Russo, Marco Alsaying, Sarah Hamzeh, Amir Hasayen, Niv Shafir, Karem Emad Hassan Aly, Sahar Lachmy

fotografia:

musica:

produttore:

produzione:

paese:

Italia

anno:

2004

durata:

90'

formato:

35mm - colore

uscito in sala:

14/01/2005

premi e festival:

Private si basa su una storia vera e narra la convivenza forzata tra militari israeliani e una famiglia palestinese. Il film racconta non il lato pubblico, politico della vicenda, ma il suo esatto contrario, il versante quotidiano privato, intimo. Protagonista della storia è la famiglia B., la cui casa si trova a metà strada tra gli insediamenti israeliani e un villaggio arabo. I B. sono piuttosto agiati e colti. Mohammad, il padre, è preside di una scuola secondaria. Grande appassionato di letteratura inglese, è in procinto di finire un Phd su Margaret Oliphant, scrittrice femminista dell'epoca vittoriana. Dopo uno scontro a fuoco, l'esercito israeliano occupa, per ragioni di sicurezza, il secondo piano dell'abitazione e chiede alla famiglia di lasciare la casa. Mohammad si rifiuta, non vuole andar via, la casa è il confine della sua dignità, perderla significa consegnare per sempre sé e la sua famiglia all’odio per gli israeliani. Mohammad è un sognatore, un pacifista attivo, un uomo che si ostina a vedere negli altri la possibilità di amare e non di odiare. Però è anche un palestinese, vive per i suoi principi ed è pronto alle estreme conseguenze. Dal momento che il gruppo di soldati israeliani occupa la casa di Mohammad all’interno della famiglia avvengono profonde e dolorose spaccature. La famiglia si divide tra chi cerca di capire il messaggio paterno e chi semplicemente non ce la fa o si lascia sedurre dalla strada della violenza. A “salvarsi” saranno quelli che sono stati capaci di vedere, di incontrare sia pur per un secondo lo sguardo del "nemico".