Radio Egnatia

titolo originale:

RADIO EGNATIA

cast:

Fabrizio Saccomanno

musica:

Antongiulio Galeandro

produzione:

Fluid Produzioni, Geco Produzioni, con il sostegno di Istituto di Culture Mediterranee, Provincia di Lecce Unione dei Comuni della Grecía Salentina, Regione Puglia, Fondazione Apulia Film Commission

paese:

Italia

anno:

2008

durata:

74'

formato:

Digi Beta Pal - colore

aspect ratio:

4:3

status:

Pronto (02/08/2008)

premi e festival:

La via Egnatia, naturale proseguimento dell'Appia in terra balcanica, è un’antica strada romana costruita per connettere Roma a Costantinopoli (l’odierna Istanbul) – le Capitali dell’Impero Romano d’Occidente e d’Oriente – passando attraverso l’Italia meridionale, il Canale d’Otranto, l’Albania, la Repubblica di Macedo-nia, la Grecia e la Turchia. Radio Egnatia è una stazione radio immaginaria il cui palinsensto è costituito dall’intreccio di suoni ed informazioni reali, come relitti di programmi radio di vere emittenti, operanti nell’area attraversata dalla Via Egnatia e testimonianze e suoni raccolti durante numerosi viaggi compiuti dal gruppo di ricerca“Osservatorio Nomade” tra il 2005 e il 2007.Il documentario è composto da vari episodi, ognuno dei quali è rappresentato simbolicamente da una lastra di pietra leccese (chianca) che viene creata e poi “dispersa” a testimonianza del passaggio dei protagonisti sulla vecchia strada romana. Ogni “chianca” racconta una storia di vita o di un territorio, di una comunità locale o di tradizioni che stanno scomparendo, racconta un incontro tra persone di differenti aree geogra-fiche. A fare da guida lungo il viaggio è Matteo Fraterno, artista relazionale, napoletano d’origine e nomade di vocazione, che di incontro in incontro, di chianca in chianca, ci accompagna attraverso i confini e le molteplici identità etnografiche e culturali, dal Salento fino allaTurchia.