La vita è una cosa meravigliosa

La vita è una cosa meravigliosa

La vita è una cosa meravigliosa

La vita è una cosa meravigliosa

titolo originale:

LA VITA È UNA COSA MERAVIGLIOSA

regia di:

fotografia:

scenografia:

produzione:

distribuzione:

paese:

Italia

anno:

2010

durata:

103'

formato:

colore

uscito il:

02/04/2010

Questo film nasce dal desiderio di realizzare un film “ottimista”. Ci sembrava giusto, in un momento di “crisi globale” che colpisce tutti e tutto, mettere in scena una commedia che dia speranza agli spettatori. Che li faccia uscire dal cinema con un sorriso disteso.
Per fare questo abbiamo incrociato quattro storie. Le quali, strada facendo, si uniscono.
La prima, quella che in un certo senso lega tutto il film, è la storia di Cesare (Enrico Brignano), un poliziotto che si occupa di “intercettazioni”. Con le cuffie in testa, spia le vite degli altri. Per esempio quella di Antonio (Vincenzo Salemme), presidente di un importante gruppo bancario, al quale i politici chiedono con insistenza fondi neri per finanziare i loro impicci. Tra i personaggi in vista che Antonio foraggia c’è il proprietario di una clinica dove lavora Claudio (Gigi Proietti), un chirurgo sposato con Elena (Nancy Brilli), il quale finirà anche lui indirettamente travolto dall’indagine. E rovinati dall’inchiesta saranno anche Vanessa (Virginie Marsan), la figlia di Antonio, insieme a Marco (Emanuele Bosi), un giovane elettricista. Così come Laura (Luisa Ranieri), una massaggiatrice che si innamora di Cesare senza sapere che fa il poliziotto.
Queste storie iniziano tutte male: Cesare scopre di avere una fidanzata che fa la escort, Laura incontra solo uomini sbagliati, Antonio è ricattato dai politici che lo obbligano a fare imbrogli, Claudio ha un figlio che combina solo guai, Elena soffre di una gelosia maniacale, Vanessa è una ragazza viziata senza scopi, Marco viene accusato ingiustamente di un furto che non ha commesso.
Ma... la vita è una cosa meravigliosa. E alla fine del film queste storie apparentemente tristi si modificano. Ognuno dei personaggi ritrova la propria coscienza migliore e quindi la svolta per risolvere ansie e difficoltà. Alla fine trionfa la felicità. Un meraviglioso multi – happy end.