Producers on the Move
sabato 17 agosto 2019

La Prima luce

vedi anche

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

La Prima luce

La Prima luce

La Prima luce

titolo originale:

LA PRIMA LUCE

cast:

Riccardo Scamarcio, Daniela Ramirez, Luis Gnecco, Alejandro Goic, Gianni Pezzolla, Paulina Urrutia, Maria Eugenia Barrenechea

scenografia:

Maria Teresa Padula, Angela Torti

costumi:

Eva Palmisani, Carolina Norero

produzione:

Paco Cinematografica, Rai Cinema, con il contributo del MiBAC, in associazione con Imprebanca, con il sostegno di Regione Lazio, Fondazione Apulia Film Commission

paese:

Italia

anno:

2015

durata:

108'

formato:

colore

uscito in sala:

24/09/2015

Marco, giovane e cinico avvocato rampante, vive a Bari con la sua compagna Martina e il loro piccolo Mateo di 8 anni.
Martina, latino americana, si è trasferita in Italia dopo aver conosciuto Marco. La nostra storia inizia quando il rapporto tra i due è ormai alla fine.
Martina vuole tornare a vivere nel suo paese con Mateo ma questa scelta escluderebbe Marco e lui non glielo consente, troppo profondo è l’amore e il legame con suo figlio.
Dopo un periodo lacerante, Martina decide di scappare insieme a Mateo e si reca nel suo paese facendo perdere ogni traccia.
Il tempo per Marco inizia a scorrere più lento, non ha nessuna notizia di suo figlio e dopo un periodo di angoscia e sbandamento decide di andare a cercarlo.
Una volta arrivato in Sud America si ritrova in una metropoli di 6 milioni di persone, indifferente e indecifrabile.
Dopo lunghe e inconcludenti ricerche Martina e Mateo sembrano davvero essere svaniti nel nulla, ma…
La Prima Luce racconta quanto può essere straziante una separazione e come l'amore di un padre per suo figlio possa superare ogni confine.

NOTE DI REGIA:
L'idea del film nasce dalla somma di tante cose: la mia costante osservazione della realtà, la voglia di raccontare le trasformazioni in atto nella società. E poi questa storia sempre più urgente che narra la vicenda dei figli contesi, bambini figli della globalizzazione. Una storia di fatto universale, al di là dei due paesi scelti.