Producers on the Move
giovedì 18 luglio 2019

Noi siamo Francesco (opera seconda)

vedi anche

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Noi siamo Francesco

Noi siamo Francesco

titolo originale:

NOI SIAMO FRANCESCO

montaggio:

scenografia:

musica:

Flo, Orchestra Joubès, Sineterra, Sunneva

produzione:

Arancia Cinema, con il contributo del MiBAC, con il sostegno di Fondazione Apulia Film Commission

distribuzione:

paese:

Italia

anno:

2014

durata:

90'

formato:

colore

uscito in sala:

25/06/2015

premi e festival:

Francesco è un ragazzo di 22 anni che non ha le braccia dalla nascita; il resto del suo corpo è ‘normale', anzi, piuttosto bello e ben formato. Col tempo ha imparato ad utilizzare le gambe come unici arti, mentre i piedi sono diventati le sue specialissime e abilissime mani. Francesco vive con sua madre, Grazia, un famoso architetto di Bari. E' uno studente universitario modello ed ha un amico, Stefano, che per lui è come un fratello. Francesco però, a differenza dell'amico, non ha ancora mai vissuto le gioie dell'amore, e la cosa per lui, che ha più di vent'anni, inizia a rappresentare un problema.

NOTE DI REGIA:
Questo tema così difficile e delicato è anche estremamente attuale. Ci sono molti dibattiti sull’argomento, come si può notare dalle poche frasi che vi ho riportato qui sopra, e le risposte non sono per niente facili e scontate. Attraverso testimonianze vere di ragazzi disabili ho maturato quindi la storia che vi sto proponendo e le difficoltà che la madre del nostro film incontra nell’aiutare il figlio ad avere una vita intima autonoma e soddisfacente sono tratte da testimonianze vere. Sono certa inoltre, nonostante la “crudezza” dell’argomento, che questa storia sia piena di amore, vitalità e di leggerezza, e con un po’ di presunzione ritengo che sia anche necessaria.
L’ironia inaspettata dei disabili che ho incontrato lavorando lungamente a questo progetto mi ha dato il coraggio e la certezza che dopo il primo impatto di disagio quello che sarebbe rimasto fondamentalmente guardando il film sarebbe stato semplicemente il “banale” fatto che siamo tutti, qualsiasi sia la nostra condizione fisica, pieni delle stesse paure e degli stessi desideri e che la storia di Francesco, il mio protagonista che è nato senza gli arti superiori, potrebbe essere benissimo quella di un ragazzo “normale”. Naturalmente io credo molto in questa storia, come non potrei, avendola pensata, scritta e diretta, e vorrei aggiungere che infondo ho semplicemente raccontato una storia d’amore…