Producers on the Move
lunedì 19 agosto 2019

Torneranno i prati

vedi anche

clip video

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Torneranno i prati

Torneranno i prati

Torneranno i prati

titolo originale:

TORNERANNO I PRATI

regia di:

sceneggiatura:

fotografia:

scenografia:

produzione:

Ipotesi Cinema, Cinemaundici, Rai Cinema, con il contributo del MiBAC, con il contributo di Banca Popolare di Vicenza, in collaborazione con Edison, Nonino Distillatori, Regione Veneto, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struttura di Missione per la Commemorazione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, Vicenza Film Commission

vendite estere:

paese:

Italia

anno:

2014

durata:

80'

formato:

colore

uscito in sala:

06/11/2014

“La guerra è una brutta bestia che gira il mondo e non si ferma mai”
Toni Lunardi, pastore

Siamo sul fronte Nord-Est, dopo gli ultimi sanguinosi scontri del 1917 sugli Altipiani. Nel film il racconto si svolge nel tempo di una sola nottata.
Gli accadimenti si susseguono sempre imprevedibili: a volte sono lunghe attese dove la paura ti fa contare, attimo dopo attimo, fino al momento che toccherà anche a te.
Tanto che la pace della montagna diventa un luogo dove si muore.
Tutto ciò che si narra in qu esto film è realmente accaduto.
E poiché il passato appartiene alla memoria, ciascuno lo può evocare secondo il proprio sentimento.

NOTE DI REGIA:
Cento anni di storia che si allontanano sempre più nel passato mentre il fiume del tempo avanza sotto i ponti del progresso che inesorabilmente sbiadisce ogni altra memoria.
Tuttavia ci sono momenti in cui una data sul calendario, un titolo di giornale, una fotografia, smuovono ricordi sopiti che si chiamano tra loro, irrompono nel nostro tempo da protagonisti e giustamente pretendono d’essere riconosciuti e risarciti del loro valore speso per noi: primo fra tutti, la vita.
Mio padre aveva 19 anni quando venne chiamato alle armi. A quell'età, l'esaltazione dell'eroicità infiamma menti e cuori soprattutto dei più giovani.
Scelse l’Arma dei bersaglieri, battaglio ni d'assalto, e si trovò dentro la carneficina del Carso e del Piave, che segnò la sua giovinezza e il resto della sua vita.
Ero bambino quando lui raccontava a me e a mio fratello più grande, del dolore della guerra, di quegli istanti terribili in attesa dell'ordine di andare all’assalto e sai che la morte è lì, che ti attende sul bordo della trincea. Ricordava i suoi compagni e più d’una volta l’ho visto piangere.
Della 1a Guerra Mondiale non è rimasto più nessuno di coloro che l’hanno vissuta e nessun altro potrà testimoniare con la propria voce tutto il dolore di quella carneficina.
Rimangono gli scritti: quelli dei letterati e quelli dei più umili dove la verità non ha contorni di retorica.