Il treno va a Mosca

vedi anche

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Il treno va a Mosca

titolo originale:

IL TRENO VA A MOSCA

titolo internazionale:

THE TRAIN TO MOSCOW

cast:

Sauro Ravaglia

sceneggiatura:

fotografia:

Andrea Vaccari, Marcello Dapporto, Enzo Pasi, Luigi Pattuelli, Sauro Ravaglia

montaggio:

produzione:

Kiné, Apapaja, Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, Vezfilm, Centro Culturale San Fedele di Milano, Fondazione Cineteca di Bologna, con il sostegno di Fondazione Cariplo Media Program- European Union Documentaristi Emilia-Romagna (D.E.-R.)

paese:

Italia/UK

anno:

2013

durata:

70'

formato:

8mm/HD - colore & b/n

uscito in sala:

07/05/2014

premi e festival:

1957. Ad Alfonsine, uno dei tanti paesini della Romagna rossa distrutti dalla guerra, il barbiere comunista Sauro Ravaglia e i suoi amici sognano l’Unione Sovietica, unica terra in cui si realizza il loro ideale di pace, fratellanza e uguaglianza. Quando si presenta l’occasione di visitare Mosca, durante il Festival mondiale della gioventù socialista, il gruppetto parte: le aspettative sono altissime e tanta la voglia di portare a casa più immagini possibili di quello che sarà il viaggio della vita.

NOTE DI REGIA
«Per Sauro l’utopia non era solo un’idea politica, ma una prospettiva da poter quasi toccare con mano. Per noi, cresciuti in un’epoca in cui non si sogna più una società ideale, fare un film come questo segna il tentativo di far riaffiorare quel desiderio di utopia che abbiamo sempre finto di ignorare. Anche se un po’ di nostalgia inevitabilmente traspare, non abbiamo voluto fare un film nostalgico. Il fatto che Sauro ancora oggi continui a girare il mondo è la testimonianza che forse l’utopia non è un obiettivo realizzabile, ma una ricerca lunga una vita intera».