Asino vola (opera prima)

vedi anche

vedi anche

sito ufficiale

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Asino vola

Asino vola

titolo originale:

ASINO VOLA

titolo internazionale:

DONKEY FLIES

scenografia:

Bruno Melappioni

costumi:

Chiara Nobile

produzione:

Tempesta, Rai Cinema, con il contributo del MiBAC

paese:

Italia

anno:

2015

durata:

80'

formato:

colore

premi e festival:

Maurizio è un bambinetto caparbio, cresciuto tra mille avventure solitarie nella fiumara, il letto asciutto del fiume usato come discarica dalla gente del posto. È lì, tra carcasse di automobili trasformate in rifugi e un’infinità di oggetti più o meno consumati dal tempo, che Maurizio matura l’amore per la musica. Il primo a cui Maurizio ha confidato della sua passione è Mosè, il suo amico asino, che abita anche lui a due passi dalla fiumara, con Mimì lo zingaro e la sua famiglia. L’asino Mosè è sempre lì a consigliarlo e incoraggiarlo, al contrario di Angelina la gallina, che, cattiva, lo deride.
Maurizio inizia a seguire le lezioni nella banda del paese con gli altri bambini, ma presto resta l’unico senza strumento. La mamma non glielo vuole comprare: è severa, e vede la musica come l’ennesimo capriccio di un figlio monello, un lusso che la famiglia non si può permettere. Per Maurizio, invece, la musica è la possibilità di dimostrare al mondo che, se messo nelle stesse condizioni degli altri, può farcela, può imparare a suonare, può essere un musicista che porterà allegria per i paesi dell’intera provincia.
La soluzione si materializza in un vecchio tamburo, tenuto come reliquia nel magazzino della sala della musica e recuperato dal maestro Angelo. E proprio nel mistero che avvolge il tamburo si manifesta l’ultimo ostacolo di Maurizio sulla strada per diventare musicista…