Efp Guide IT
lunedì 17 giugno 2019

Viva la sposa (opera seconda)

vedi anche

clip

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Viva la sposa

Viva la sposa

titolo originale:

VIVA LA SPOSA

sceneggiatura:

fotografia:

montaggio:

produzione:

Malia, Aeternam Films, Les Films du Fleuve, Rai Cinema, con il contributo del MiBAC, in associazione con BNL Gruppo BNP Paribas, con il sostegno di Eurimages, Regione Lazio, CNC

vendite estere:

paese:

Italia/Francia/Belgio

anno:

2015

durata:

87'

formato:

colore

aspect ratio:

1:2.35

uscito in sala:

22/10/2015

Nicola passa il tempo bevendo e fingendo che sta smettendo di bere.
Questa è la storia sua e di tanti altri personaggi che incontra per un destino o per caso come in un roadmovie. .
Perciò è anche la storia di Sabatino che truffa le assicurazioni provocando incidenti, ma un giorno è ubriaco e l’incidente diventa mortale. Pure il Concellino vive truffando le assicurazioni, ma vuole fare carriera. .
È la storia di Salvatore, figlio di Anna e forse anche di Nicola, ma Anna è una prostituta e non lo sa chi è il padre di suo figlio. Invece il padre di Nicola è morto da tempo e lui se lo sogna ancora, la madre è una donna piccola e prima di morire vorrebbe che suo figlio sposasse Sofia che si chiama così perché il padre avrebbe voluto che fosse come la Loren nel film di De Sica. Sofia dice che scappa in Spagna con l’amica. Lo dice, ma poi resta a Cinecittà. .
È la storia dell’Abruzzese che fa il carrozziere, ma anche il parcheggiatore notturno. È da lui che si nasconde Anna dopo aver sparato al protettore. .
È la storia di Sasà che una notte finirà peggio di tutti nella stanza di in una questura di periferia. .
E poi ci sono le storie di Marino che non parla mai e della bambina ucraina e quella del tassista che riporta a casa Nicola, lo vede ubriaco e si fa pagare la corsa due volte. E in mezzo a tutte queste storie c’è quella dell’americana che gira l’Italia vestita da sposa. Un’Italia senza speranze, ma non disperata perché il contrario della speranza certe volte non è la disperazione, ma il fatalismo.

NOTE DI REGIA:
Il titolo dice tutto. Viva la sposa! Passa una bellissima donna bionda tra le vite di poveri cristi. Una sposa che fa voltare tutti. Guardare la sposa li aiuta a sopravvivere, ma poi la vita vera è un'altra. Direbbe Wittgenstein che la filosofia è una maniera per distruggere gli idoli. Ma anche un modo per smettere di crearne di nuovi. Eppure... senza idoli facciamo fatica a vivere