La Prima volta di mia figlia (opera prima)

vedi anche

vedi anche

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

La Prima volta di mia figlia

La Prima volta di mia figlia

La Prima volta di mia figlia

titolo originale:

LA PRIMA VOLTA DI MIA FIGLIA

titolo internazionale:

MY DAUGHTER'S FIRST TIME

fotografia:

montaggio:

scenografia:

produzione:

Ascent Film, Rai Cinema, con il contributo del MiBAC, in associazione con Imprebanca, con il sostegno di Regione Lazio

vendite estere:

paese:

Italia

anno:

2015

durata:

80'

formato:

colore

uscito in sala:

19/03/2015

Alberto (Riccardo Rossi) è un medico della mutua, maniaco dell’ordine, separato da dieci anni e totalmente dedito - emotivamente ed affettivamente - alla figlia quindicenne, Bianca (Benedetta Gargari). Un giorno uguale a tutti gli altri della sua vita completamente organizzata, metodica e ordinata, arriva un fulmine a ciel sereno: legge di nascosto sul diario di Bianca che la sua bambina sta per fare l’amore per la prima volta! Alberto è nel panico, non aveva ancora immaginato che potesse arrivare quel giorno anche per sua figlia: l'angelo della sua vita... Deciso a combattere per non far accadere il "fattaccio", o quantomeno a far capire a sua figlia come "dovrebbe essere fatto" organizza una cena con la sua più cara amica Marina (Fabrizia Sacchi), ginecologa al consultorio e per questo - secondo Alberto - esperta di adolescenti, per dissuadere la figlia dal ‘commettere questo grave errore’. Al tavolo si aggiungono, indesiderati e inaspettati, Giovanni (Stefano Fresi), l'inopportuno marito di Marina ed Irene (Anna Foglietta), una psicologa collega di Alberto che lui detesta, perché è il suo esatto contrario. Si ritrovano tutti a raccontare le loro prime volte, ma nessuna delle esperienze riesce a dare a Bianca quello slancio educativo che Alberto tanto cercava e a farle capire tra le righe che non è ancora il momento giusto.
Le cose quindi non andranno come sperato e quella che doveva essere una cena “istruttiva” si trasformerà in uno zoo, una grande "terapia di gruppo” che cambierà per sempre il rapporto tra padre e figlia…”