Producers on the Move
giovedì 18 luglio 2019

La Regola del piombo (opera prima)

vedi anche

sito ufficiale

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

La Regola del piombo

La Regola del piombo

La Regola del piombo

titolo originale:

LA REGOLA DEL PIOMBO

cast:

Gledis Cinque, Alice Arcuri, Marco Continanza, Antonio Carlucci, Alessio Aronne, Carlo Astengo, Valentina Garbero, Francesco Ivaldi, Matilda Patruno, Angela Atteo, Mauro Pinzone, Federico Brundo, Gianni "Way" D’Aliesio, Alessio Dalmazzone, Manuela Salviati, Guglielmo Bonaccorti, Vittoria Astengo, Edoardo Tessitore

sceneggiatura:

fotografia:

produzione:

paese:

Italia

anno:

2014

durata:

69'

formato:

HD - colore

aspect ratio:

1:2.35

premi e festival:

  • WorldFest-Houston 2015: Official Selection - Platinum Remi Award
  • Bright Minds Film Festival - Miami 2014: Best Feature Film Award

Seguendo a malincuore piani celesti che trova piuttosto fastidiosi, Humphrey, il fantasma di un assassino, è costretto a fare squadra con Lara, una solitaria ragazza adolescente ignorata dai genitori e dalla società.
Incapace di toccare le cose e di assumere una forma umana che porterebbe ad una scomparsa definitiva della sua anima, Humphrey deve condurre la ragazza a salvare due bambini rapiti come unica possibilità per riscattarsi e abbandonare finalmente la terra.
I due formano così una coppia ruvida e imprevedibile e iniziano ad esplorare il vecchio maniero dove alcuni criminali tengono prigionieri i due bambini per i loro loschi traffici.
Il fantasma e la ragazza riescono a trovare i bambini e cercano di attirare l'attenzione della città, ma nessuno li ascolta: sono come esseri invisibili che cercano di mettere in luce l'esistenza di due bambini altrettanto invisibili.
Incapace di credere in se stesso e convinto di dover rimanere dannato per sempre, Humphrey abbandona la missione e svanisce, costringendo Lara ad agire da sola per salvare i bambini.
Ma quando i criminali rapiscono la ragazza, Humphrey capisce che deve fare del suo meglio per risvegliare l'intera città e aprire gli occhi delle persone che continuano a ignorare l'esistenza dei prigionieri. E mentre ricorda ciò che suo padre appassionato di alchimia gli disse quando era un bambino, ossia che anche la pietra più impura può essere trasformata in oro, Humphrey si trova ad affrontare la scelta più difficile della sua vita dopo la morte: rimanere dannato per sempre o rischiare una scomparsa definitiva assumendo una forma umana per liberare i prigionieri. Una scelta che può trasformare la sua anima da piombo in oro.

NOTE DI REGIA:
Incentrato sul tema scottante dei “bambini invisibili”, i bambini abbandonati e dimenticati nelle mani di organizzazioni criminali che li sfruttano per furti e per il racket delle elemosine, “La Regola del Piombo” affronta un problema sociale di rilevanza internazionale attraverso il linguaggio della finzione cinematografica.
Utilizzando la forma di una moderna e toccante favola dark, il film parla al cuore dello spettatore mettendo in scena l’insolita e contrastata amicizia tra una ragazzina sola e un fantasma di un assassino venuto a redimere la sua anima tramite un atto d’amore: salvare due bambini di strada dalla loro prigionia. Il film affronta il rapporto tra visibile e invisibile: i protagonisti sono tutti personaggi invisibili, esseri abbandonati e dimenticati dalla società o anime che hanno perduto la loro forma umana e vagano alla ricerca di un gesto d’amore che li renda presenti, strappandoli dall’oblio e dall’oscurità.
Nel mettere in scena le vicende di questi esseri invisibili, ho voluto capovolgere completamente le sorti dei personaggi che compaiono nel film: ad essere invisibili infatti diventano tutti coloro che non sono in grado di aprire gli occhi nei confronti di chi soffre, tutti quelli che ignorano gli altri e non sono in grado di compiere un gesto d’amore verso i propri simili.
Nel cinema quello che non si vede e che resta fuori dal frame assume quasi più importanza di quello che viene mostrato, per questo La Regola del Piombo esprime attraverso precise scelte di regia e di messa in scena il tema centrale della storia raccontata dal film: rimaniamo invisibili fino a quando non compiamo un atto d’amore. E così è per ogni personaggio della storia, relegato fuori dal frame fino a quando non riesce a riscattarsi dal torpore e dall’indifferenza che attanaglia il suo cuore e la sua anima.
Prendendo liberamente come spunto i concetti dell’alchimia, ho voluto creare un parallelo tra il percorso di crescita dei personaggi e il processo alchemico di trasformazione del piombo in oro: l’unico modo per assumere un’anima luminosa e dorata è agire per il bene e sacrificare i propri interessi per aiutare gli altri. Girato in 15 giorni senza soste e senza rinunciare a scene complesse e soluzioni visive ambiziose (più di 15 attori tra cui ben 4 bambini; locations complesse come luna park abbandonati e ville fatiscenti; numerosi effetti speciali e digitali), La Regola del Piombo è il mio primo lungometraggio. È un film che ho scritto, diretto e prodotto interamente, dedicandomi anima e corpo a un progetto che è diventato un’impresa titanica e splendida, colma di difficoltà e di soddisfazioni, resa possibile dalla passione di tante persone.
Nonostante la realizzazione sia stata irta di problemi, fin dal primo giorno una serie di coincidenze positive hanno guidato il film attraverso tutte le tempeste, confermandomi che l’idea folle di realizzarlo, coinvolgendo amici e parenti in un tour de force per molti rischioso e incerto, è stata una delle migliori decisioni che abbia mai preso nella mia vita.