Gian Luigi Rondi: vita, cinema, passione

vedi anche

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Gian Luigi Rondi: vita, cinema, passione

titolo originale:

GIAN LUIGI RONDI: VITA, CINEMA, PASSIONE

cast:

Gian Luigi Rondi, Paolo e Vittorio Taviani, Steve Della Casa, Ettore Scola, Gilles Jacob, Pupi Avati, Margarethe von Trotta, Adriano Ossicini, Carlo Lizzani, Francesco Rosi, Gina Lollobrigida

fotografia:

Alireza Movahes

montaggio:

Ivano Tempera

paese:

Italia

anno:

2014

durata:

74'

formato:

colore

status:

Pronto (24/07/2014)

premi e festival:

Gian Luigi Rondi: vita, cinema e passione è il risultato di oltre 10 giorni di confessioni, ricordi e rivelazioni del critico. Attraverso i suoi racconti e con il contributo di testimoni come Gilles Jacob, Carlo Lizzani, Ettore Scola, Francesco Rosi, Paolo e Vittorio Taviani, Pupi Avati, Gina Lollobrigida, Margarethe von Trotta, Adriano Ossicini e altri, e grazie a rari materiali d’archivio, si ripercorre la storia del cinema italiano e dell’Italia del XX° secolo. I suoi ricordi accompagnano in prima persona gli eventi che hanno segnato il nostro Paese: dal primo dopoguerra al Ventennio Fascista, dalla Seconda Guerra Mondiale alla Ricostruzione, dal Boom economico alla contestazione degli anni ’70, fino ai giorni nostri. A 92 anni Rondi si sveglia presto nella sua casa dei Parioli e comincia la giornata facendo il giro del suo grande appartamento per caricare i meccanismi delle decine di orologi a pendolo della sua collezione. Ancora oggi quotidianamente guarda film e realizza, con la inseparabile macchina da scrivere (regalo di laurea dei genitori), libri, saggi e critiche, e si reca ogni giorno alla sede dell’Accademia Italiana del Cinema per svolgere la sua attività di Presidente. Il regista Treves ripercorre nel film anche i primi impegni extra-giornalistici di Rondi: il coinvolgimento accanto al sottosegretario Giulio Andreotti nel rilancio del cinema italiano, scioperi, manifestazioni e mobilitazioni, come quella storica a Piazza del Popolo cui aderirono i più popolari artisti del tempo.

NOTE DI REGIA:
Un viaggio per rispondere alla domanda su chi è Gian Luigi Rondi. Un viaggio pieno di sorprese, di aneddoti e compagni di strada. Un viaggio in cui si intrecciano i linguaggi cinematografico, televisivo e radiofonico, al termine del quale forse il mistero rimane irrisolto, ma arricchito di nuovi elementi, evitando ogni agiografia e trionfalismo celebrativo, grazie al tono ironico e autoironico che lo attraversa.