Frammento 53

vedi anche

vedi anche

Trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Frammento 53

Frammento 53

titolo originale:

FRAMMENTO 53

produttore:

Tommaso Bertani, Federica Schiavo

produzione:

Ring Film, Federica Schiavo Gallery, Centre d’Art Contemporain Genève

paese:

Italia/Svizzera

anno:

2015

durata:

71'

formato:

colore

status:

Pronto (01/11/2015)

premi e festival:

"Un’evocazione del Dio della Guerra introduce il film. Un quadro chiude e lega insieme, astraendoli dal loro contesto, sette ritratti di guerrieri liberiani. Attraverso una serie di racconti in prima persona, le loro voci presentano la guerra come l’ineluttabile espressione umana di forze che sono, al contempo, universali e individuali."
Frammento 53 è un film documentario sulla guerra considerata nella sua dimensione necessaria e universale, confrontata come evento reale e archetipico. Il fenomeno è stato investigato sul campo in Liberia, un paese attraversato da conflitti unici, radicali e irrisolti, che presenta una serie di scenari, personalità ed eventi ascrivibili all’essenza del fenomeno che gli autori vogliono evocare.
Il film si sviluppa attraverso una serie di racconti in prima persona selezionati da un più ampio gruppo di interviste con eminenti guerrieri, generali e signori della guerra, collezionati in Liberia tra il 2011 e il 2014. Sette ritratti autonomi presentati uno dopo l’altro sono introdotti da una dichiarazione degli autori e seguiti da un epilogo composto da immagini notturne che scorrono sopra una serie di citazioni del Generale Philip Wlue e della sua visione del mondo.
I racconti in prima persona dei guerrieri sono raccolti da un angolo e da una posizione ravvicinata. Attraverso un uso a mano della camera, che insiste sui loro corpo e sui loro volti, questo approccio mantiene una prossimità e tensione costante tra i racconti dei guerrieri e l’occhio della camera. Ogni dimensione personale e storica è esclusa dai loro racconti al fine di elevarli ad una dimensione più ampia e impersonale.
Questa idea ha guidato anche il montaggio del film che mostra una serie di ritratti isolati, autonomi e non comunicanti costruiti attraverso jump cuts e primi piani non naturalistici.