Efp Guide IT
martedì 18 giugno 2019

Beautiful Things

vedi anche

sito ufficiale

Trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Beautiful Things

Beautiful Things

titolo originale:

BEAUTIFUL THINGS

cast:

Van Quattro, Danilo Tribunal, Andrea Pavoni Belli, Vito Mirizzi, Vittoria De Ferrari Sapetto, Andrea Valfré

sceneggiatura:

fotografia:

produttore:

produzione:

MyBossWas, Biennale College Cinema, con il sostegno di Regione Piemonte

Kyoto Historica Film Festival 2018: Biennale College Cinema, Film Commission Torino Piemonte

distribuzione:

paese:

Italia

anno:

2017

durata:

93'

formato:

colore

premi e festival:

Un viaggio sinfonico
 nell’ossessione
 del consumo nel
 mondo contemporaneo.
Van è un manutentore di pozzi petroliferi. Lavora nel deserto, all’interno di un grande giacimento in Texas. Danilo è capo macchina su una nave cargo. Vive ogni giorno nel cuore dello scafo dove risiede un mastodontico motore. Andrea è uno scienziato. Ha passato la propria vita tra le formule matematiche e il silenzio delle camere anecoiche. Vito ha trascorso metà della propria vita gestendo slot machine. Oggi è il responsabile di un’immensa fossa di rifiuti in cemento armato.
Questi uomini sono inconsapevolmente alla base della sequenza di creazione, trasporto, commercializzazione e distruzione degli oggetti che alimentano la bulimia del nostro stile di vita. Gli oggetti di cui pensiamo di aver bisogno ogni giorno iniziano e finiscono il loro viaggio all’interno di luoghi industriali e scientifici isolati e spettrali. Questi uomini sono monaci all’interno di templi di acciaio e cemento e ripetono ogni giorno nel silenzio e nella solitudine la stessa liturgia meccanica, convivendo con i propri fantasmi.
Lei e Lui sono una coppia come tante. Hanno passato la vita ad accumulare oggetti fino a un punto di saturazione. Sono cresciuti nel boom della televisione commerciale, sono la prima generazione a essersi emancipata attraverso Internet. Oggi hanno quarant’anni e sono alla ricerca di una via d’uscita.
Lei e Lui siamo noi. E non abbiamo mai sentito parlare di loro.